Regione Lombardia: "Bando Al Via"

(2007_BFIN)

 

Regione Lombardia: “Bando Al Via”

Descrizione e Obiettivi

Il bando è finalizzato a supportare nuovi investimenti da parte delle PMI, al fine di rilanciare il sistema produttivo e facilitare la fase di uscita dalla crisi socio-economica che ha investito anche il territorio lombardo. L’Iniziativa inoltre, a seguito dell’emergenza dovuta all’epidemia Covid-19, intende supportare le imprese nella riconversione dei processi produttivi connessa alla citata emergenza sanitaria e al mutato paradigma socioeconomico.

La misura si compone di 3 LINEE:

  • Linea Sviluppo Aziendale, che finanzia investimenti su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo, da realizzarsi nell’ambito di generici piani di sviluppo aziendale;
  • Linea Rilancio Aree Produttive, che finanzia investimenti per lo sviluppo aziendale basati su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo legati a piani di riqualificazione e/o riconversione territoriale di aree produttive;
  • Linea Investimenti Aziendali Fast, che finanzia investimenti su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo ivi compresi quelli legati all’adeguamento ai nuovi protocolli sanitari e di sicurezza in seguito all’emergenza Covid-19.

Chi può partecipare

Possono partecipare all’iniziativa le PMI con sede operativa in Lombardia iscritte e attive al Registro delle Imprese da almeno 24 mesi con codice ATECO primario C – Attività manifatturiere; F – Costruzioni; H – Trasporto e magazzinaggio; J – Servizi di informazione e comunicazione; M – Attività professionali, scientifiche e tecniche; N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese.

Entità del contributo

Per la Linea Sviluppo Aziendale l’agevolazione è composta da:

  • Co-finanziamento a medio-lungo termine di Finlombarda e banche convenzionate, tra 50.000 e 2.850.000 euro con durata tra 3 e 6 anni (incluso pre-ammortamento 18 mesi). Il Tasso d’Interesse che sarà determinato in funzione del livello di rischio assegnato all’azienda;
  • Garanzia max 70% sul finanziamento;
  • Contributo a fondo perduto in conto capitale, fino al 15% dell’investimento ammissibile a seconda della dimensione dell’impresa, dell’importo complessivo delle spese e del regime di aiuto scelto.

Per la Linea Rilancio Aree Produttive

  • Co-finanziamento a medio-lungo termine di Finlombarda e banche convenzionate, tra 50.000 e 2.850.000 euro con durata tra 3 e 6 anni (incluso pre-ammortamento 18 mesi). Il Tasso d’Interesse che sarà determinato in funzione del livello di rischio assegnato all’azienda;
  • Garanzia max 70% sul finanziamento;
  • Contributo a fondo perduto in conto capitale, fino al 15% dell’investimento ammissibile a seconda della dimensione dell’impresa, dell’importo complessivo delle spese e del regime di aiuto scelto.

Per la Linea Investimenti Aziendali Fast

  • Co-finanziamento a medio-lungo termine di Finlombarda e banche convenzionate, tra 85.000 e 760.000 euro con durata tra 3 e 6 anni (incluso pre-ammortamento 18 mesi). Il Tasso d’Interesse che sarà determinato in funzione del livello di rischio assegnato all’azienda;
  • Garanzia max 70% sul finanziamento;
  • Contributo a fondo perduto in conto capitale, fino al 15% dell’investimento ammissibile a seconda della dimensione dell’impresa.

Spese ammissibili

Per la Linea Sviluppo Aziendale, sono ammesse spese superiori a € 53.000 e inferiori a € 3 mln (regolamento esenzione) e € 2 mln (regolamento de Minimis). I Progetti inerenti la Linea Sviluppo Aziendale devono essere realizzati nel termine massimo di 15 mesi a partire dalla data del decreto di concessione del Contributo in conto capitale e della Garanzia. 

Sono ammesse le seguenti spese: 

  • acquisto di macchinari, impianti specifici e attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive; 
  • acquisto di sistemi gestionali integrati (software & hardware); 
  • acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione; 
  • opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati, anche finalizzati all’introduzione di criteri di ingegneria antisismica. 

Per la Linea Rilancio Aree Produttive sono ammesse spese superiori a € 53.000 e inferiori a € 6 mln (regolamento esenzione) e € 2 mln (regolamento de Minimis). I Progetti inerenti la Linea Rilancio Aree Produttive devono essere realizzati nel termine massimo di 18 mesi a partire dalla data del decreto di concessione del Contributo in conto capitale e della Garanzia. 

Sono ammesse le seguenti spese: 

  • acquisto di macchinari, impianti specifici e attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive;
     
  • acquisto di sistemi gestionali integrati (software & hardware);
  • acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione;
  • opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati, anche finalizzati l’introduzione di criteri di ingegneria antisismica;
  • acquisto di proprietà/diritto di superficie in relazione ad immobili destinati all’esercizio dell’impresa 

Per la Linea Investimenti Aziendali Fast sono ammesse spese superiori a € 100.000 e inferiori a € 800.000. I Progetti inerenti la Linea Investimenti Aziendali Fast devono essere realizzati nel termine massimo di 8 mesi a partire dalla data del decreto di concessione del Contributo in conto capitale e della Garanzia. 

Sono ammesse le seguenti spese: 

  • acquisto di macchinari, impianti specifici e attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive; 
  • acquisto di sistemi gestionali integrati (software & hardware); 
  • acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione; 
  • opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati, anche finalizzati all’introduzione di criteri di ingegneria antisismica;

Ulteriori tipologie di spese nel limite del 15% del totale delle spese ammissibili: 

  • macchinari relativi ai sistemi di misurazione e controllo della temperatura corporea a distanza, anche con sistemi di rilevazione biometrica;
  • sistemi software e sistemi IOT per il distanziamento e la sicurezza dei lavoratori connessi alle esigenze normative in ambito sanitario;
  • interventi strutturali all’impianto di aerazione della struttura finalizzate al miglioramento della sicurezza sanitaria;
  • rimodulazione e ri-progettazione del layout degli spazi di/per lavoro connessi alle esigenze normative in ambito sanitario;
  • spese di consulenza riferite ai punti precedenti

Tutte le spese devono essere avviate dopo la presentazione della domanda. 

Quando partecipare

Domanda a partire dalle ore 10.00 del 22 settembre 2020 fino al 30 giugno 2021.

Lasciaci un contatto per avere una consulenza gratuita e senza impegno, valuteremo insieme se hai le condizioni per vincere questo contributo.

Privacy e Cookie policy